Autodifesa per salvarsi la vita

Non per offendere – e infatti non citerò il titolo del libro nemmeno sotto tortura – ma da qualche mese la mia casa è invasa da libri zoppicanti, senza capo né coda. Sono storie costruite con rozza astuzia, a imitazione di trame di successo, per di più scritte con colpevole sciatteria. Peggio ancora: più brutte sono le storie, più i romanzi vengono decantati e proposti come capolavori con una convinzione infuocata e una retorica infinita. Non amo le stroncature, non parlo da cattedre immaginarie, mi limito a esprimere le sensazioni di una lettrice accanita e innamorata della lettura. Ecco perché solitamente mi limito a ignorare i testi che non amo. Temo però che si debba correre ai ripari, perché da qualche tempo le cose stanno prendendo una piega sempre più preoccupante. Così stamane, dopo una notte trascorsi in compagnia dei pensieri più cupi, in un estremo tentativo di autodifesa ho scritto questa mail all’amica che mi ha proposto l’ultima beffa :

ciao carissima
che brutto libro mi hai mandato – tronfio, ampolloso, surreale. Non esistono al mondo persone che agiscono come questi personaggi e la gente in carne e ossa non si esprime così … Mi domando come reagiranno i lettori, e sto male al pensiero che per qualche misteriosa trama del destino possano apprezzare e perfino lodare questo garbuglio di idee e parole. Ovviamente non scarto l’ipotesi di sbagliarmi (nessuno è perfetto o profeta in patria o perfettamente onnisciente) e con doverosa prudenza auguro buona fortuna all’autore e al suo romanzo. Sarà il pubblico a decidere e spero che decida con saggezza. Resto comunque sconcertata.
Mi domando, e vorrei sentire il tuo onesto parere di addetta ai lavori: è così che si combatte la crisi dell’editoria? Il grande malato avrebbe bisogno di una dieta robusta e saporita, e invece gli si offre tisanucce senza zucchero e brodetti insipidi? Siete davvero convinti che per conquistare i lettori basti seguire all’infinito la vecchia ricetta degli scorsi bestseller a base di libri, cibo e città piene di magia? A quando le varianti vincenti?
con antica amicizia e tanta perplessità …
n

Condividi:

Lascia un commento