Chi sono

Sono una giornalista e scrittrice, con un piede di qua e l’altro di là. Ho lavorato per diversi quotidiani (Avvenire, Il Giorno), sono stata inviata speciale del settimanale GENTE prima di diventare, nel 1994, redattore capo del settimanale CHI, per il quale continuo a curare la rubrica dei libri. 

Ho pubblicato romanzi per ragazzi (tra cui Si-X12 chiama Vepla, Bietti, e I nipoti di Toro seduto, Rusconi. Ma ho scritto soprattutto per adulti a cominciare da Favola in Nero e Storia di Chiara entrambi pubblicati anche in Germania da Zebulon. 

Ho firmato volumi di saggistica come L’antica arte dello scandalo (Simonelli), storia ragionata di scandali e pettegolezzi usati a fini politici. 

Ho anche partecipato a quattro edizioni dell’antologia di racconti natalizi pubblicata dalle edizioni San Paolo. Nel 2007 ho contribuito all’antologia Cuori di pietra (Mondadori) cui si sono aggiunte le antologie Facce di bronzo, Corpi (sempre Mondadori) e Il bicchiere mezzo pieno (Piemme): tutti libri i cui diritti d’autore sono state devoluti in operazioni d’aiuto alle donne del Terzo Mondo. 

Un racconto del quale sono particolarmente orgogliosa figura nell’antologia Alle signore piace il nero (Sperling & Kupfer). Per Sperling & Kupfer ho anche pubblicato due romanzi-verità Il buio oltre la porta (2009), storia di una signora della buona società che dopo anni di sofferenza ha saputo separarsi dal marito che la massacrava di botte e Perché io no? (2011) storia di un gruppo di donne alle prese con la difficile scelta di diventare madri. 

Nel romanzo La promessa del tramonto (Garzanti, 2016) racconto la lunga fuga dei miei genitori un medico ebreo – ungherese e una ariana italiana, tra Italia e Ungheria sfidando leggi razziali, guerra e l’avvento del comunismo in Ungheria.