Biografia

Con mezzo secolo di esperienza in quotidiani (ho scritto per Il Giorno l’Avveniree settimanali (Gente e  Chi) per non parlare di mensili (Studi Cattolici) e affini, continuo a scrivere con un entusiasmo che a tratti stupisce me stessa, sempre con il desiderio di offrire una testimonianza che possa risultare in qualche modo utile.
Curo la pagina dei libri del settimanale Chi come alibi per avere un ulteriore stimolo alla lettura e per incontrare scrittori fantastici.
Ho curato con Elena Mora molte antologie benefiche, da Cuori di pietra (Oscar Mondadori) fino a Il Bicchiere mezzo pieno Mariti (Piemme).
Mi sono appassionata a storie di persecuzione, immigrazione ed esilio attraverso le storie che ho raccolto per de La promessa del tramonto (Garzanti, 2016), che ha vinto il premio speciale Giuditta (Alessandria).
Il 21 gennaio 2020 esce per Piemme il mio nuovo romanzo La ragazza col cappotto rosso, che riunisce altre storie vere, in gran parte dedicate alla Shoah in Ungheria, ma non solo.
Da sei anni tengo un corso di sociologia presso l’ACU Università della Terza Età di Brugherio. Quest’anno tocca al tormentato rapporto tra uomini e macchine di varie specie.